I giardini dimenticati

I giardini dimenticati

Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Forse anch’io sarò così

quasi un’ombra leggera

tra l’ombre vaganti,

curvo, peregrinando muri

e lucide corsie,

lentamente,

dove porte chiare spalancate

sbadigliano silenzi disperati.

Forse il vile tarlo

avrà scavato fosse

e allagato il capo di paludi

abitate da fantasmi

e di penombre

e gli amati visi, i sorrisi, gli amori,

s’affogheranno nell’acque scure.

Forse anch’io sarò così

con una coperta spessa

gettata sui ginocchi magri,

dietro rettangoli di vetro

a guardare i giardini dimenticati

dove nessuna mano di fanciullo

colse un fiore

ad aspettare solo il passar dell’ore

respirando piano il tempo

degli ultimi tramonti.

Forse anch’io sarò così…

Giovanni Zappalà

Commenti

Nessun commento

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia un commento